La Storia della Borsa

La borsa è l’accessorio per eccellenza di ogni donna, può contenere tutto quello di cui si ha bisogno durante la giornata fuori casa.

La storia della borsa, l’uso e il suo valore trovano inizio già nella preistoria: all’epoca tuttavia le prime borse sono state inventate ed usate rigorosamente dagli uomini.

La prima borsa era formata da pelli di animali che venivano assemblate fra loro e utilizzate per trasportare utensili ed armi e in seguito alla nascita e alla circolazione della moneta si diffusero sempre di più.

Le origini della parola “borsa” derivano dalla parola greca “Byrsa” che vuol dire cuoio.

Al tempo della lingua latina, come ad oggi, ogni borsa aveva il proprio nome: la “Zona” era la borsa da portare alla cintura, la “Crumena” da mettere alla tracolla e infine la “Manticula” da portare a mano.

Nel Medioevo invece la borsa diventò un’importante accessorio e i materiali si modificarono usando la seta per le borse più eleganti mentre ricami d’oro, perle e gemme impreziosivano quelle più costose.

Durante la rivoluzione francese, le donne che erano abituate a infilare soldi ed averi fra le pieghe e le tasche dei vestiti, dovettero passare all’uso della borsa poiché i vestiti si trasformarono da gonne con ampie balze ad abiti che assomigliavano più a semplici camicie.

L’uso della borsa nella donna esplose dopo la prima guerra mondiale quando anche il mondo femminile iniziò ad uscire di casa e ad andare a lavorare.

Furono così inventate le borse più capienti e i nuovi modelli furono pubblicati nelle riviste specializzate.

Costumisti, artisti, stilisti iniziarono ad interessarsene e in quel periodo iniziarono a convivere varie tendenze: la “trousse”, piccolo contenitore-gioiello in materiale rigido, la “pochette”, con o senza manico, la borsa in cuoio o coccodrillo a due manici, la borsina di perline ornata di frange col manico a catenella.

Negli anni Venti Coco Chanel inventò la sua borsa inconfondibile, trapuntata e col manico a catenella.

A Parigi nel 1935 i fratelli Hermès inventarono la Kelly bag, in origine una borsa da sella, poi ridotta di dimensioni e resa famosa nel 1956 da Grace Kelly mentre in Italia già da tempo erano nati Gucci e Gherardini.

Ormai la borsa era entrata nella moda e nessuna signora se ne sarebbe privata, abbinandola con le scarpe appropriate.

Negli anni Sessanta la borsa elegante cominciò ad essere sostituita da modelli in cuoio fatti a mano o ispirati a prototipi etnici, tascapane.

Le nuove borse “casual” non erano affatto economiche, soprattutto se firmate da importanti stilisti. Il marchio era diventato più costoso del materiale.

Fu così che iniziò la moda della Borsa fino ad arrivare ai nostri giorni.

E voi eravate a conoscenza della lunga storia della borsa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *