Storie delle borse dedicate a donne famose

Attrici, first lady, ma anche membri delle famiglie reali più blasonate e top model, hanno intrecciato negli anni liaison privilegiate con gli stilisti della loro epoca, che le hanno avvolte nei loro modelli e che gli hanno perfino dedicato una borsa.

In questo articolo vi raccontiamo le storie di borse ispirate a donne famose che dagli Anni 50 ai giorni nostri hanno contribuito a diffondere l’ineffabile mito della it bag come lo conosciamo oggi.

La prima borsa di cui parliamo è la Kelly di Hermès ispirata a Grace Kelly.

La storia della borsa Kelly di Hermès è una delle più celebri nel campo della moda. Dall’ispirazione originaria, fortemente legata all’impronta iniziale dell’azienda, una selleria parigina del 1837, assunse dettagli e uno stile lussuoso.

La leggenda narra che negli Anni 50, Grace Kelly si innamorò di un modello da viaggio in pelle immaginato da Robert Dumas per Hermès. Ne ordinò una dozzina, in ogni colore disponibile. Si narra che l’attrice adoperò questa grande borsa per camuffare le rotondità dovute alla gravidanza. La foto che venne pubblicata sulla rivista Life, fece il giro del mondo in poco tempo, incarnando l’ideale di stile di tutte le donne che, da allora, iniziarono la corsa alla Kelly bag.

Lady Dior ispirata a Lady Diana

Questa borsa è nata nel 1994 con la volontà di creare un capo che rispecchiasse l’identità della maison. È stata fin da subito un accessorio rivoluzionario per la sua eleganza e la sua impugnatura. Questi erano, infatti, gli anni dello zainetto, del marsupio e delle tracolle etniche e la Lady Dior ha segnato da subito un momento di rottura.

Inizialmente il suo nome in codice era «Chouchou». Due anni dopo Bernadette Chirac, first lady francese a quel tempo, si è rivolta alla casa di moda parigina perché realizzasse un omaggio a Lady Diana, in occasione della sua visita a Parigi.

Tra Lady Diana e Lady Dior è stato subito amore, poiché la principessa in visita all’atelier si è innamorata di questa borsa, per poi ordinarne a decine per il suo guardaroba. Da allora non se ne separò più, sfoggiando in moltissime occasioni questo accessorio, realizzato per lei in diversi materiali e colori. Si può proprio dire che diventarono inseparabili e negli scatti più belli della principessa questa era sempre accompagnata dalla sua amata borsa, facendo sì che la Lady Dior diventasse un’icona.

Jackie di Gucci ispirata a Jackie Kennedy

Negli Anni 50, Gucci creò un modello di borsa dai profili rotondeggianti concepito come unisex. Si chiamava Fifties Constance e divenne rapidamente un successo tra il pubblico femminile. Quando Jackie Kennedy, una delle first lady più stylish che l’America abbia mai conosciuto, fu avvistata con il modello sotto braccio, la popolarità della borsa crebbe ulteriormente e la maison fiorentina decise di omaggiare la moglie dell’allora presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy donandogli il suo nome. La Jackie di Gucci è oggi tra i modelli iconici della maison custoditi all’interno del Museo Gucci di Firenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *